Autore: Redazione Tessere

La conferenza di Luciano Canfora a Firenze

Ecco i due video con la registrazione della conferenza di Luciano Canfora di Luciano Canfora sull’attualità del pensiero di Antonio Gramsci organizzata dall’Udu (Unione degli universitari) Sinistra Universitaria giovedì 16 novembre alla Sala Comparetti della Biblioteca Umanistica dell’Università...

Canfora a Firenze
parla di Gramsci

Queste alcune delle immagini scattate alla conferenza di Luciano Canfora sull’attualità del pensiero di Antonio Gramsci organizzata dall’Udu (Unione degli universitari) Sinistra Universitaria giovedì 16 novembre alla Sala Comparetti della Biblioteca Umanistica dell’Università di Firenze in piazza...

Scatti trattenendo il respiro

Torinese, diplomata al I° Liceo Artistico Accademia Albertina, Paola Loredana Celli – Lori B su Facebook – ha mescolato fotografia e arti pittoriche usando la macchina fotografica come fosse un blocco di schizzi, nel quale, dice di sé...

In cerca di nuovi paradigmi per la scienza

Paolo Manzelli è uno dei 30 personaggi intervistati nel volume di Daniele Pugliese edito da TESSERE Appropriazione indebita. È anche l’animatore di un centro di “Incubazione di nuove idee e concetti”, a cui è stato dato il...

Una guida semplificata del cervello

Un manuale sul cervello umano che assomiglia al manuale di una lavatrice, o di un frigorifero. Marco Magrini presenta il suo nuovo libro Cervello. Manuale dell’utente. Guida semplificata alla macchina più complessa del mondo – Giunti Editore, sabato 4...

Il labirinto di Giorgio Agamben

Per gentile concessione della rivista “Doppiozero” pubblichiamo la recensione di Antonio Lucci all’ultimo libro di Giorgio Agamben, l’Uso dei corpi. In realtà molto di più di una recensione: uno sguardo all’intera produzione di una delle più fervide menti della cultura italiana.

E se fosse solo silenzio?

RITA MARTINELLI E se fosse solo silenzio? Quello pastoso. Denso e vischioso che, scivolando nelle vene s’apprende. Marea d’unguento che alle pareti, s’addensa; cristallizzandosi come miele dal freddo indurito. Incernierando alle spalle nel suo lento inesorabile avanzare...