AREA STAMPA LA CASA EDITRICE MEMORIE

La biografia di Primo Levi a Venezia per il giorno della Memoria

Questo il comunicato stampa diffuso per la presentazione del libro Questo è un uomo, pubblicato da TESSERE che si terrà lunedì 22 gennaio alle ore 17.30, presso la sala Tommaseo dell’Ateneo Veneto in Calle della Verona a Venezia, nell’ambito delle manifestazioni per il Giorno della Memoria 2018 organizzate dalla Città di Venezia.

Lunedì 22 gennaio alle ore 17.30, presso la sala Tommaseo dell’Ateneo Veneto in Calle della Verona a Venezia, si terrà, nell’ambito delle manifestazioni per il Giorno della Memoria 2018 organizzate dalla Città di Venezia, la presentazione della “appassionata” biografia di Primo Levi del giornalista e scrittore Daniele Pugliese, Questo è un uomo, pubblicata da TESSERE con la prefazione di Massimo Giuliani, docente al Dipartimento di Lettere e filosofia dell’Università di Trento, e l’altrettanto “appassionato” ricordo che di uno dei più grandi testimoni della Shoah ha scritto il giornalista Andrea Liberatori, uno degli ultimi ad aver intervistato l’autore della Tregua, del Sistema periodico e di Sommmersi e salvati prima che si togliesse la vita l’11 aprile 1987.

Coordinate da Alberto Madricardo, collaboratore dell’Istituto Gramsci e dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, discuteranno con l’autore Francesca Ruth Brandes, poeta e curatrice di vari testi di cultura ebraica, e Maria Teresa Sega, presidente dell’Associazione per la storia e la memoria delle donne in Veneto.

La manifestazione è stata organizzata dall’Ateneo di Venezia insieme alla città di Venezia, all’Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea, all’associazione Nemus, in collaborazione con l’associazione culturale TESSERE.

Daniele Pugliese

La biografia di Primo Levi curata da Daniele Pugliese – presidente di TESSERE e autore anche di una raccolta di racconti intitolata Sempre più verso Occidente (Baskerville, 2009), che prende spunto proprio da uno dei più impegnativi testi dello scrittore piemontese e da uno scambio di lettere tra i due pochi mesi prima di quell’atroce suicidio – non è solo la ricostruzione di un premio Nobel “mancato” della letteratura, ma anche un tentativo di guardare con maggior umanità e “com-passione” a quell’intelletuale inquieto che, partendo dalla spietata analisi dell’esperienza vissuta nell’orrore di Auschwitz, ha saputo in tutta la sua opera scavare nell’animo degli individui e fornire punti di osservazione originalissimi dell’esperienza umana.

La riflessione sugli spunti offerti dalla rilettura degli scritti e dell’esperienza “militante” e intima di Primo Levi operata da Pugliese nel suo libro, è l’occasione per un ripensamento non solo sulla necessità di non dimenticare quello che in lager è potuto avvenire e mai più dovrebbe essere possibile, ma anche sull’opportunità di relazionarsi alle vicende umane con occhio laico, misericordioso e non indifferente: una lezione che, nell’incertezza del tempo presente, risulta di grande attualità, quasi un dovere per chi non intende assistere inerte alla possibilità che altri vagoni bestiame partano per destinazioni che tutti quanti sanno dove sono dirette.

TESSERE è una associazione senza fine di lucro che pubblica libri accuratamente scelti e offre ai lettori una rivista culturale – www.tessere.org – per la quale scrivono prestigiosi intellettuali, docenti di ogni ordine e grado, studenti, giornalisti, amanti delle idee e delle lettere, con lo scopo di tenere insieme – come in un mosaico fatto di tessere o nella trama e nell’ordito di una accurata tessitura – saperi, esperienze, conoscenze, relazioni, generazioni, diversità. La rivista è l’unica a dare conto di tutte le iniziative che in Italia vengono organizzate in occasione del Giorno della Memoria.

Il logo di TESSERE è una T disegnata nel 1957 in occasione dell’XI Triennale di Milano da Albe Steiner, il grande grafico a cui si deve il Politecnico di Vittorini, Rinascita di Togliatti e il marchio della Coop.

image_print