IL NUMERO

300 milioni

È il numero di copie di libri vendute in tutto il mondo dallo scrittore cinese Jin Yong, più noto come Louis Cha, morto a Hong Kong il 30 ottobre scorso all’età di 94 anni (era nato a Haining nel 1924).

Considerato uno degli autori più importanti della letteratura cinese moderna, in Italia ha pubblicato un solo romanzo nel 2006 con la casa editrice Pisani, intitolato Volpe Volante della Montagna Innevata.

Eppure, nella classifica mondiale degli autori che hanno venduto di più, Louis Cha svetta, superando i 275 milioni di copie dell’americano James Patterson, autore di un thriller che vede Bill Clinton al centro della sua narrazione, e i 250 milioni di copie a cui si è fermato John Grisham. Dietro di lui anche J. R. R. Tolkien con i suoi 200 milioni di libri venduti, Dan Brown, anch’egli a quota 200 milioni, le Cinquanta sfumature di grigiodi E. L. James ferme a 125 milioni, o Patricia Cornwell che vanta 100 milioni di copie vendute.

Autore di romanzi “wuxia”, l’equivalente cinese della cappa e spada nostrale, Jin Jong, secondo l’Oxford Guide to Contemporary World Literature, vanta romanzi di «qualità elevata», in grado di piacere a pubblici diversi con gusti diversi e superando le barriere ideologiche e geografiche delle diverse comunità cinesi in tutto il mondo.

image_print
Tags