IL NUMERO

21

È il numero delle donne elette il 2 giugno 1946 all’Assemblea Costituente: nove erano comuniste ed altrettante democristiane, due socialiste, uno dell’Uomo qualunque. Rispetto agli uomini rappresentavano appena il quattro per cento del totale, 556 eletti: «Persone straordinarie, sbalzate anche loro nella Storia dalla ribellione morale al fascismo, dalla attività clandestina nei Gruppi di difesa della donna, nella Croce rossa o nel Soccorso rosso, nei gruppi partigiani combattenti», scrive su www.strisciarossa.it Jolanda Bufalini recensendo il libro pubblicato per i 70 anni della Costituzione dalla Fondazione Nilde Iotti, Costituenti al lavoro. Donne e Costituzione 1946-1947, Guida Editore, pagine 355, Euro 20.