Autore: Antonella Blanco

Fame

ANTONELLA BLANCO Dal latino fames, e, andando ancora più indietro, dal greco φαγῳ (phago) ossia mangio, divoro, da cui fagmes e poi, appunto, fames. Molte fonti sottolineano l’importanza della radice fa-, comune al latino fatisci, nel dare proprio l’idea...

La propria esistenza

MARGUERITE YOURCENAR Talora la mia vita mi appare banale al punto da non meritare non dico di scriverla, ma neppure di ripensarvi a lungo, e non è affatto più importante, neppure ai miei occhi, di quella del...

La vita degli altri

VIRGINIA WOOLF Pensi sia possibile scrivere la vita di una persona? Ne dubito; perché una persona si trova in ogni dove. Ecco te, per esempio, che cammini nel Palazzo delle Tuileries, che compri collane, che guardi il...

Pratiche artistiche

MAN RAY Non faccio alcuna differenza tra la letteratura e la pittura. Un quadro deve essere un’idea. Tutti gli scritti, a cura di Janus – 1981 Scelta da ANTONELLA BLANCO

Prospettive

MAURITS CORNELIS ESCHER Chi può dire che questo pavimento non possa essere anche un soffitto? da Lo specchio magico di M.C. Escher, di Bruno Ernst – 1994 Scelta da ANTONELLA BLANCO

Leggerezze

ALESSANDRO MANZONI Quel lato del monastero era contiguo a una casa abitata da un giovine, scellerato di professione, uno de’ tanti, che, in que’ tempi, e co’ loro sgherri, e con l’alleanze d’altri scellerati, potevano, fino a...

Partecipazione

AMARTYA SEN Gli obblighi da parte della società includono non solo l’assistenza sanitaria, l’istruzione di base, il sostegno nella povertà e le forme di sicurezza sociale (senza le quali l’esercizio delle libertà individuali resta assai limitato), ma...

Radici

FRANCIS COLLINS Tutto in medicina, con la possibile eccezione dei traumi, è di natura genetica. da Nature genetics, 9, pp.347-50, 1995 Scelta da ANTONELLA BLANCO

Resistenze

MARGUERITE YOURCENAR Che cos’è l’insonnia se non la maniaca ostinazione della nostra mente a fabbricare pensieri, ragionamenti, sillogismi e definizioni tutte sue, il suo rifiuto di abdicare di fronte alla divina incoscienza degli occhi chiusi o alla...

Mutare è possibile.
Parola di Ovidio

In 300 – studenti, insegnanti, semplici appassionati, attori e gente comune, di età e provenienza eterogenee – per 3 giorni a leggere i versi delle “Metamorfosi”, dell’”Arte di amare” e degli altri capolavori di Ovidio, in una manifestazione organizzata dalla Scuola Normale Superiore di Pisa.