Categoria: Storie

Vendetta

FLAVIO FUSI Cerco una parola e infine la trovo, per definire la vicenda di Jorge Garcia, un omone di 39 anni che vediamo piangere, all’aeroporto di Detroit, abbracciato alla moglie e ai due figli, qualche istante prima...

L’uomo che dette un numero all’orrore

LINA SENSERINI Ha trascorso tre anni nell’inferno di Auschwitz, dove era stato deportato nell’aprile del 1942, all’età di 26 anni. La storia di Ludwig “Lale” Eisenberg, nato in Slovacchia nel 1916 da genitori ebrei, inizia proprio nel...

Tre anni di guerra risparmiati ascoltando

LINA SENSERINI Le vite degli altri. Come nell’omonimo film di Von Donnersmarck, interi lunghi anni passati da Fritz Lustig, “secret listener” al servizio di Sua Maestà durante la Seconda Guerra mondiale, ad ascoltare le conversazioni dei prigionieri...

Compromesso storico: nascita
e morte di una grande idea

Fu Giorgio Frasca Polara a dare la notizia del sequestro Moro a Alessandro Natta quando si incontrò con Enrico Berlinguer due ore prima che Andreotti si presentasse alla Camera per ritirare il voto di fiducia ad un governo che non era quello che avrebbe visto la partecipazione diretta del Pci. I destini del paese presero un’altra direzione e fu l’inizio della fine del compromesso storico. Il testimone di quei giorni drammatici li racconta.

Ottantotto tasti per dita divine

È un articolo del 2003, ma – fatta la tara a qualche cifra sui volumi d’affari, a referenze societarie e al nome del megamanager ora passato ad altri incarichi – conserva tutta la freschezza di una storia...

27.000

TITTA SCHIRALDI È il numero di foto pubblicate finora su Instagram da Jacqui Kenny. Se questo potrebbe essere il focus della notizia – 27 mila è pur sempre un ragguardevole numero, da lasciare quanto meno sorpresi i webnauti,...

Un giorno qualunque di camorra

Vent’anni fa, l’11 giugno 1997, Silvia Ruotolo, 39 anni, viene uccisa dai colpi “impazziti” di un clan della camorra in un regolamento di conti al Vomero, a Napoli, col figlio per mano e la figlia che la guarda dalla finestra. Una sparatoria assurda in un giorno qualunque. Abbiamo provato ad entrare nei pensieri di quella vittima innocente.

Leila, la Biblioteca
che vuol fare la rivoluzione

«Per creare un corto circuito in un sistema sbagliato, e innescare una piccola rivoluzione culturale che investa il modo di pensare delle persone». È lo spirito che ha portato un gruppo di brillanti giovani ad aprire Leila Bologna-la Biblioteca degli oggetti. E sono proprio loro, in prima persona, a raccontare questa innovativa esperienza di sharing economy, come una visita in soffitta. Con loro parte da oggi una collaborazione con TESSERE.

Il sogno realizzato
di Paul Newman

A Limestre, sull’appennino tosco emiliano, da 10 anni c’è un posto dove i bambini con malattie gravi possono fare le vacanze insieme ad altri bambini e senza d’intorno genitori o medici ed infermieri, ma in tutta sicurezza....