Categoria: LUOGHI

L’Africa nel cuore

MARCO BRANDO Avevano tutti l’Africa nel cuore, gli otto italiani che hanno perso la vita nel disastro aereo della Ethiopian Airlines: quattro volontari di associazioni umanitarie (Matteo Ravasio, Carlo Spini, Gabriella Vigiani, Paolo Dieci), tre giovani funzionarie...

Il rave interreligioso dell’Indonesia

PAOLA RIZZI Isola di Flores, Indonesia, un giorno di agosto del 2018. A bordo di un taxi collettivo siamo in sei più l’autista. Stiamo andando dalla città di Maumere, sulla costa settentrionale, al piccolo paese di Moni,...

Colombo, una città a locomozione

MATTEO TARDELLI Arriviamo a Colombo, Sri Lanka, in un caldo pomeriggio di metà febbraio. Il centro città oltre ad essere estremamente polveroso è pieno di mezzi a motore, da motorini a bus ai famosi tuk tuk ovvero...

Viva la Vida! Ovvero resistere in città

FRANCESCA BRANDES No ste cavarme ea Vida! recitano stendardi improvvisati in giro per le calli veneziane, lenzuola stese tra i rii, vessilli sui tetti. «Non toglietemi la Vida», e la Vida è un posto speciale nel cuore...

Dropping Seeds: da Venezia un laboratorio per la pace

FRANCESCA BRANDES Da principio era un’installazione artistica, programmata nell’ambito della veneziana Biennale d’Arte 2017. Certo è che Dropping Seeds della statunitense Debra Werblud (classe 1957, una artista nota per il suo impegno politico-sociale), è divenuta nel corso...

Austria, maggioranza “in fumo”

MATTEO TARDELLI Da breve, qui in Austria, si è insediata una nuova coalizione di governo tra i blu del Partito della libertà austriaco (FPÖ) e i neri del Partito popolare austriaco (ÖVP). I due leader si chiamano...

Acqua, bicchieri e… buon Natale

Sergey Karamyshev, incurante del freddo, suona Jingle bells davanti al Neues Museum di Berlino, ai margini di un classico “Weihnachten Markt” (mercatino di Natale), sull’angolo tra la Am Kupfergraben e la Bodestraße, durante la prima neve del 9...

Geometrie: un angolo di città

LAURA BARDELLI Si intraversano nella curva a gomito della piazzetta affacciata sull’Arno almeno tre o quattro volte al giorno, nel tentativo di vomitare o ingoiare (ai nostri fini non fa differenza alcuna) il loro quotidiano carico di...