Taggato: morte

Morire è solo un cambiamento

ISABEL ALLENDE Così come quando si viene al mondo, morendo abbiamo paura dell’ignoto. Ma la paura è qualcosa d’interiore che non ha nulla a che vedere con la realtà. Morire è come nascere: solo un cambiamento. da...

L’osceno dell’essere umano

DIANA ATHILL  La morte è l’inevitabile fine dell’esistenza individuale di un oggetto – non dico ”fine della vita” perché è parte della vita – . Tutto inizia, si sviluppa – animale o vegetale, respira – poi svanisce:...

Non si faccia confusione

PHILIP ROTH Bisogna fare una distinzione tra il morire e la morte. Non è tutto un morire ininterrotto. Se si è sani e ci si sente benissimo, è un morire invisibile. La fine, che è una certezza,...

Malattia mortale

RONALD DAVID LAING  La vita è una malattia a trasmissione sessuale; ed ha un tasso di mortalità del 100%.     Scelta da: RITA MARTINELLI

Vocazione artistica

SYLVIA PLATH Morire | È un’arte, come qualsiasi altra cosa. | Io lo faccio in un modo eccezionale | Io lo faccio che sembra un inferno | Io lo faccio che sembra reale. | Ammetterete che ho...

15 aprile 1967

ANDREA CARUBI Un morto, tre funerali Totò, pseudonimo di Antonio Griffo Focas Flavio Angelo Ducas Comneno Porfirogenito Gagliardi De Curtis di Bisanzio Gagliardi Focas di Tertiveri: «Tengo molto al mio titolo nobiliare perché è una cosa che appartiene soltanto...

La natura delle cose

JOHN FOWLES La morte non è nella natura delle cose, ma è la natura delle cose. Ma ciò che muore è la forma. La sostanza è immortale. Attraverso la successione di quelle forme soppiantate che noi chiamiamo...

Nostalgia del dio prezioso

FRANCIS BACON Lei crede in Dio? Sa, chiunque abbia un minimo di buon senso e un minimo di studi… nello stesso tempo mi colpisce quello che chiamerei l’arrogante eroismo degli atei. Questo non esiste! Quest’altro è falso!...

Palese differenza

WOODY ALLEN La morte è come il sonno, ma con questa differenza: se sei morto e qualcuno grida «Tutti in piedi, è giorno fatto!» ti riesce difficile trovare le pantofole. da: Effetti collaterali, 1980 Scelta da: RITA MARTINELLI 

Morire schiavi lentamente

MARTHA MEDEIROS Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine, […] chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce. […] chi evita una passione, chi preferisce il nero su bianco e i...