Autore: Francesca Ruth Brandes

Tocadina (Zo e man da Cuba!)

FRANCESCA BRANDES Capita ancora (più che mai attuale, del resto, da quando è esploso il caso Weinstein e si è diffuso il movimento #Me Too) che su qualche cartello, durante una manifestazione – quando l’evento si verifichi...

Guardare Venezia
dalla parte delle radici

FRANCESCA BRANDES Novembre a Venezia: al Magazzino Gallery di Palazzo Contarini Polignac, affacciato sul Canal Grande accanto al Ponte dell’Accademia, si è appena inaugurata la mostra di Inés de Borbón Acquamarina, a cura di Roberta Semeraro, con il patrocinio...

La speranza di Prometeo
rivelata da Luigi Nono

FRANCESCA BRANDES È in una scatola bianca l’installazione pittorica Is this all we can do? dell’artista romeno Nicola Golea, allo Studio Giudecca 860: da un lato, una moltitudine di volti fissano il visitatore, gli occhi sbarrati, un urlo...

I semi di Brian Eno

FRANCESCA BRANDES A quarant’anni dall’ultima personale a Venezia, Brian Eno torna in laguna con Ambient Paintings alla Galleria MichelaRizzo, alla Giudecca, fino al 24 novembre 2018. Uno spettacolo visuale (e musicale) da non perdere, legato alla dimensione del...

Viaggio a Villa Miralago,
dove l’anoressia non fa più paura

Oltre 3 milioni e mezzo di persone, per lo più giovani, per lo più donne, soffrono di anoressia, bulimia e, più in generale, di disturbi del comportamento alimentare che nel 2016 hanno provocato in Italia più di 3.000 vittime. A Cuasso al Monte, in provincia di Varese, negli spazi di Villa Miralago, un tempo sede di un Centro benessere Messegué, una comunità con una equipe multidisciplinare, dove chi soffre riscopre il rapporto con l’Altro. Il tentativo di costruire una rete nazionale per far fronte a questi disturbi.
FRANCESCA BRANDES

Séco incandìo

FRANCESCA BRANDES Di solito capita d’inverno, alla fine di un’influenza stagionale, nella migliore delle ipotesi. Capita, e imbarazza per la sua verace modalità, a mezzo tra l’affettuoso e il pettegolo: «Cosa xe nato?» («Che ti è capitato?»)...

Carampana

FRANCESCA BRANDES Qualcuna se ne vede ancora, per le calli di Venezia, anche se carampana – termine un tempo attribuito, in laguna, alle prostitute – ormai è passato a definire quel che il lessico etichetta con un benevolo...