Taggato: letteratura

Il principio della pubblicità

SAMUEL BECKETT A forza di chiamare questa cosa la mia vita finirò per crederci. È il principio della pubblicità.   Scelta da GIAN LUCA CORRADI

Perché scrivere?

GUSTAVE FLAUBERT Perché scrivere queste pagine? A cosa servono? Che cosa posso saperne io stesso? È alquanto sciocco, credo, andare a chiedere agli uomini il motivo delle loro azioni e dei loro scritti. Voi stessi, sapete perché...

Infinito

DANIELE PUGLIESE Quanto è infinita questa parola di cui salutare è farne un uso finito, vale a dire parco e limitato. Parola che può essere raffigurata con il simbolo che compare sopra e i cui significati possono...

La poesia

GOFFREDO PARISE La poesia va, viene e muore quando vuole lei, non quando vogliamo noi e non ha discendenti. Mi dispiace ma è così. Un poco come la vita, soprattutto come l’amore     scelta da GIAN...

Sciacallo

LINA SENSERINI «Gli sciacalli sono dannosi per il loro svergognato brigantaggio. Divorano quanto mangiano, ma derubano anche cose che non mangiano, la loro passione per rubare è forse pari alla loro voracità. Uccidono colla crudeltà e derubano...

Torniamo bambini

CHARLES DICKENS È bene tornar bambini qualche volta e non vi è miglior tempo che il Natale, allorché il suo onnipotente fondatore era egli stesso un bambino.   Scelta da CHIARA CIONCO

Proteggere il proprio passato

VIRGINIA WOOLF Ognuno ha il proprio passato chiuso dentro di sé come le pagine di un libro imparato a memoria e di cui gli amici possono solo leggere il titolo.     Scelta da CHIARA CIONCO

Meglio tacere

ALDA MERINI   Chi tace spaventa.     Scelta da TIZIANA ISITANI

Vivere o esistere

OSCAR WILDE Vivere è la cosa più rara al mondo. La maggior parte delle persone esiste, questo è tutto.     Scelta da TIZIANA ISITANI